continua

Guarda la photogallery della Country House visita le stanze dagli antichi soffitti in legno, scopri gli scorci più romantici, i paesaggi più suggestivi le bellezze naturali dell’intero scenario su cui questa antica dimora si affaccia.


continua

L’attività delle Terme risale alla seconda metà del XVII secolo, come testimoniano molti documenti dell’epoca, ma da tempi ancora più remoti è nota la località in cui sorge la mitica Valle d’Ansanto il cui epicentro è rappresentato dal lago della Mefite, ricco di fumarole e fanghi bollenti, al quale le Terme sono collegate per i comuni fenomeni vulcanici ed idrogeologici. Per le sue particolarità, infatti, la zona è ricordata da Virgilio nell’Eneide ed è descritta inoltre da molti altri antichi scrittori come Prinio, Siconio Apollinare, Aulo Persico. Rappresentate graficamente da un edificio a forma di cubo senza copertura, esse sono collocate non lontane dal Lacus Mephiticus, nel cuore stesso della Valle d’Ansanto, celebrata da poeti e scrittori come "l’ombelico del mondo”.

Verso la metà del ‘700 il Duca Caracciolo di San Teodoro fece costruire un primo vero stabilimento al posto dei primitivi manufatti esistenti. Questo stabilimento, ripetutamente ristrutturato ed ampliato, è poi pervenuto alla Famiglia Sanfelice di Bagnoli che ha provveduto alla sua pressoché totale ricostruzione a seguito dei danni subiti per il terremoto che colpì l’Irpinia nel 1980.

Nella classificazione italiana delle acque minerali le acque delle Terme di San Teodoro appartengono a quelle definite solfato - bicarbonato - alcalino - terrose, solfuree, ricche di anidride carbonica. 
La loro temperatura alla sorgente è di 28°C. 

L'azione locale delle acque si manifesta in particolare sull'apparato attraverso il quale lo zolfo viene assorbito:

SULLA PELLE (balneoterapia): le acque solfuree esercitano un'azione cheratoplastica e cheratolitica;

SULLE MUCOSE DELL'APPARATO RESPIRATORIO (cure inalatorie): le acque solfuree esercitano un'azione anticatarrale, antiflogistica e stimolante del trofismo;

SULL'APPARATO DIGERENTE: (idropinoterapia): azione stimolante del trofismo;

 

L'azione generale è tuttavia in rapporto alla qualità di zolfo assorbito complessivamente attraverso le varie vie.

Oltre a ciò le acque termali vengono utilizzate anche per le altre caratteristiche che agiscono:

SUL SISTEMA CIRCOLATORIO

SULL'APPARATO LOCOMOTORIO (cure termiche e galleggiamento)

 

Fra le benefiche complesse azioni generali esercitate dalle acque minerali solfuree sono da ricordare in particolare:

L'AZIONE TONICO-SEDATIVA sul sistema neurovegetativo;

L'AZIONE BENEFICA nelle malattie croniche articolari;

L'AZIONE DISINTOSSICANTE;

L'AZIONE BENEFICA sul sistema endocrinico;

L'AZIONE ANTIALLERGICA;

L'AZIONE BENEFICA sul metabolismo;


www.termedivillamaina.it